Categoria: 

TRAIL DEL NEVEGAL 2021

Sottotitolo: 
Nadir Maguet & Martina Cumerlato come da pronostico....

26/9/2021
Tags: 
trail del nevegal
nevegal
trail running
scarpa
karpos

Nadir Maguet è il nuovo re del "Colle". Sua la griffe nell'albo d'oro della gara da 21 chilometri e i 1700 metri di dislivello positivo. Un continuo sali e scendi, su e giù per i vari “troi” del Nevegal messi a “nuovo” dallo staff organizzativo del Nevegallika. Un’edizione caratterizzata dai grandi nomi.

 

 

Una prima salita tutta di un fiato cercando con lo sguardo se da dietro azzardano un sorpasso, dove la pendenza si fa massima. Poi di nuovo “a tutta” sperando in un distacco che permetta di respirare almeno qualche minuto. Ma niente. Continuano ad inseguirsi, per poi riprendersi, superarsi e cosi via fino al Visentin. Giusto il tempo di tirare un pò il fiato e lo studio di una tecnica adatta alla corsa in cresta. Intanto da dietro il respiro non molla, anzi si fa sempre più pressante. Una battaglia all’ultima fatica per poi regalare un traguardo emozionante per i molti presenti al Campo Scuola.

 

 

Ed ecco la conferma: il Trail del Nevegal 2021 parla valdostano, grazie alla spettacolare prestazione del forte atleta Nadir Maguet del team La Sportiva. 1 ora 52 minuti 11 secondi il tempo record del runner dell’Esercito Italiano che in Nevegal ha anticipato l'altro alpino Daniel Antonioli (1h53’35’’), vincitore dell’edizione 2020, e il bellunese Luca Cagnati (1h55’12’’). Per quanto riguarda la classifica femminile, è Martina Cumerlato del Team Crazy a tagliare per prima il traguardo, con il tempo di 2 ore 23 minuti 2 secondi. Pochi minuti di ritardo per Giulia Pol (2h27’12’’) e la porta colori della Dolomiti Belluno Martina Da Rin Zanco (2h29’13’’).

 

 

 

Nel percorso breve, caratterizzato da 8 km totali con quasi 600 metri di dislivello della prima salita del Trail del Nevegal lungo il Vallavia, la firma è sigillata dal biker follinese Luca Fabris in 42 minuti 18 secondi. Al seguito il runner Mirko Signorotto con un ritardo di 3 minuti 30 secondi e Lauro Polito con più 4 minuti 41 secondi dal vincitore. Per la classifica femminile è la local runner bellunese Ludovica Rossi che, alla sua prima presenza al TdN, taglia per prima il traguardo con il tempo di 57 minuti 15 secondi. A completamento del podio, a soli 12 secondi di distacco, Ketty Viel della Tornado Alpago (57’27'') e Roberta Dal Borgo (58’55’’).

 

 

LE INTERVISTE

 

Gianpaolo Garaboni, mente ed anima della macchina organizzativa Nevegallika: «Una grande soddisfazione vedere il nostro Colle bellunese animarsi con oltre 320 corridori e appassionati della corsa in montagna. Quest’anno il livello tecnico del Trail del Nevegal si è alzato ancora di più, rispetto alla precedente edizione, grazie anche alla partecipazione di firme importanti del trail running nazionale. E poi non sono mancate le conferme degli anni scorsi, quelle che hanno caratterizzato e monopolizzato le classifiche passate. Un grazie a tutti i partecipanti, ma un plauso importante anche ai moltissimi volontari che lungo il percorso hanno garantito la sicurezza di questa nuova edizione del TdN.»

 

Nadir Maguet, vincitore 21k: «Stavo veramente bene! Sono arrivato nel bellunese già venerdi, il che mi ha permesso di conoscere e visitare i tracciati del colle del Nevegal. Daniel Antonioli mi è stato con fiato sul collo fino alla fine, non mi ha permesso di abbassare la guardia neanche per un secondo. Già dall'inizio ho cercato il distacco con poche decine di secondi, ce la ho fatta e questo mi ha permesso di gestire al meglio la mia gara. E' stata veramente una bella emozione, complimenti allo staff di Gianpaolo Garaboni per questo Trail del Nevegal, organizzato veramente molto bene.»

 

Martina Cumerlato, vincitrice 21k: «Prima volta per me al Trail del Nevegal e ne sono veramente soddisfatta. Inizialmente non ero proprio al cento per cento delle mie condizioni, vista anche la settimana appena trascorsa, ma ho cercato di dare il mio meglio nelle salite, spingendo e controllando bene le discese. E' stata una gara veramente ripida nei tratti di salita. Bravi a tutti!

Aggiungi un commento