Categoria: 

ISMF SKIMOUNTAINEERING WORLD CHAMPIONSHIPS 2021

Sottotitolo: 
italia stellare nella relay. FOTO ON LINE!!

3/3/2021
Tags: 
ismf skimo world championship
andorra
staffetta
relay
mondiali skialp

Nella prova Relay i mondiali di Andorra si tingono di azzurro con i due ori dell’Italia nella gara Relay. I nuovi campioni del Mondo sono al maschile Nicoló Canclini, Michele Boscacci, Robert Antonioli, Nadir Maguet mentre al femminile sono Ilaria Veronese, Alba De Silvestro, Mara Martini....

Nei giovani gli iridati sono gli svizzeri Caroline Ulrich, Tobias Donnet, e Jon Kistler.

Il secondo giorno dei Mondiali di scialpinismo è stato all’insegna della prova Relay, una spettacolare staffetta che vedeva coinvolte tutte le categorie. Il tracciato di gara prevedeva il classico percorso della Sprint Race con l’aggiunta di una seconda salita e di una discesa.
I primi a partire sono stati i giovani delle categorie U18 e U20, il loro team era composto da una ragazza, da un U18 e da un U20.

 

 

 

 

In questa prima gara a dominare è stata la compagine svizzera composta da Caroline Ulrich, Tobias Donnet, e da Jon Kistler. Nella prima staffetta è stata l’azzurra Samantha Bertolina a dare il ritmo alla gara, poi nella seconda e terza frazione la svizzera ha guadagnato la prima posizione e non l’ha più lasciata sino a mettersi l’oro iridato al collo. L’Italia di Samantha Bertolina, Tommaso Colombini, e di Luca Tomasoni conferma la seconda posizione, mentre la Spagna con Maria Ordonez Cobacho, Hugo Fenoll Fernandez, e Albert Perez Angles è terza.

 

 

 

 

Le seconde staffette a scendere in campo sono state le ragazze. Le squadre nazionali, anche in questo caso erano composte da tre elementi.
Nella prima frazione è stata la svizzera con Marianne Fatton a prendere il comando della gara, nel primo cambio di testimone la svizzera ha mantenuto la prima posizione, seconda la Spagna, e terza l’Italia con Alba De Silvestro, in quarta posizione la Francia. Alba De Silvestro mette nel mirino la rosso-crociata e metro dopo metro ritorna sulle code della battistrada. Il sorpasso avviene proprio all’ultimo cambio prima dell’ultima discesa. L’azzurra cambia per l’ultima staffetta in prima posizione e lascia a Mara Martini il compito di mantenere l’Italia sul tetto del Mondo. La Martini ha dietro di sé una scatenata Victoria Kreuzer che per andare a prendere la prima posizione ha forzato il ritmo. Forzatura che poi è le costata il sorpasso da parte della francese Axelle Gachet-Mollaret.
Mara Martini sente alle sue spalle il fiato di Axelle Gachet-Mollaret che dopo aver guadagnato la seconda piazza prova il tutto per tutto per vincere l’oro. L’ italiana non perde la concentrazione e proprio in vista dell’ultimo cambio aumenta il ritmo guadagnando ancora qualche secondo sulla francese. Per la maestra di sci Martini la discesa è solo una proforma, e in vista del rettilineo finale alza le mani al cielo guardando le proprie compagne che l’aspettano vittoriose.

 

 

 

Dopo aver assegnato le medaglie iridate ai giovani e alla donne è stata la volta degli uomini jet a dare spettacolo. La battaglia agonistica, subito dopo il via, è stata un affare privato tra Svizzera e Italia con Nicolò Canclini che ha imposto subito un ritmo forsennato su Iwan Arnold e Xavier Gachet (FRA).
Al secondo giro Canclini ha dato il cambio a Michele Boscacci con qualche secondo di vantaggio su Arno Lietha della Svizzera. In terza posizione ha cambiato la Francia con Alexis Sévennec. Al penultimo giro il vantaggio dell’Italia è considerevole e Boscacci passa il testimone a Robert Antonioli, alle sue spalle parte Marti Werner e Thibault Anselmet.

 

L’ultimo giro si apre con il lancio di Nadir Maguet che vede la medaglia d’oro sempre più vicina. Le posizioni per il secondo e terzo posto non cambiano, con Martin Anthamatten della Svizzera e William Bon Mardion della Francia.
Gli ultimi metri per Maguet sono una passerella iridata, conferma la seconda posizione la Svizzera, mentre sul terzo gradino del podio sale la Francia. Domani sarà la volta della prova Vertical, la gara di sola salita si disputerà lungo il tradizionale tracciato di Arinsal che dalla partenza della seggiovia sale sino al Xalet Igloo a quota 2300mt. Il dislivello per i Senior sarà di 720 metri mentre le categorie giovanili avranno da affrontare 420 metri.

 

CLICCA QUI per la gallery by Maurizio Torri!!

Aggiungi un commento