CAMPIONATO DEL MONDO TRAIL 2017 - BADIA PRATAGLIA (AR)

CAMPIONATO DEL MONDO TRAIL 2017 - BADIA PRATAGLIA (AR) - Presentati a Roma i Campionati Mondiali Trail di Badia Prataglia...

CAMPIONATO DEL MONDO TRAIL 2017 - BADIA PRATAGLIA (AR)

Presentati a Roma i Campionati Mondiali Trail di Badia Prataglia...

30/05/2017 - Scritto da: Redazione - letto 275 volte

Nella sala stampa della Camera dei Deputati a Roma sono stati presentati i Mondiali Trail di Badia Prataglia...

Il via di questo Mondiale Trail sulla distanza di 49 chilometri, sarà dato alle ore 8 della mattina del 10 giugno, il Comitato Organizzatore, coordinato da Dimitri Bonucci, accompagnato da Riccardo Acciai e Francesco Bussi, insieme all’onorevole Marco Donati, al sindaco di Poppi Carlo Toni, al presidente del Parco Nazionale Foreste Casentinesi Sergio Paglialunga, ha presentato un evento sportivo che unisce agonismo, territorio e storia. Alla conferenza sono intervenuti anche il Direttore Tecnico della Fidali Elio Locatelli e Paolo Germanetto Responsabile Tecnico di Corsa in Montagna, Trail e Lunghe Distanze.
Il benvenuto è stato dato dal deputato aretino del Pd, Marco Donati: «Sono soddisfatto di aver contribuito affinché si potesse svolgere questa manifestazione inoltre siamo contenti che l'Italia e la Toscana ospitino una competizione cosi importante. Sarà l'occasione per far conoscere un territorio come il Casentino noto per le sue bellezze culturali e paesaggistiche. Un bellissimo evento di sport che valorizzerà un territorio incontaminato e carico di storia».

 

 

Prima di passare la parola a Dimitri Bonucci è intervenuto il sindaco di Poppi Carlo Toni: «L’evento di Badia Prataglia è un esempio di promozione territoriale, non solo del nostro Comune, ma di tutto il territorio interessato dal Parco Nazionale. Mostrare al mondo interno le nostre bellezze è il massimo che possiamo fare a livello di promozione turistica».
Dimitri Bonucci, presidente del Comitato Organizzatore nel suo intervento ha raccontato: «I Mondiali Trail di Badia Prataglia, segnano ancora prima di avere lo sparo dello starter dei piccoli record. Per la prima volta un Mondiale Trail si svolgerà in Italia e per la prima volta un “trail” viene presentato in una sede così prestigiosa come un’aula all’interno del Parlamento. Il prossimo 10 giugno, per me e per tutti i volontari che sono impegnati in questa bellissima impresa si realizzerà un sogno. Un sogno iniziato quasi per caso, ma che darà a Badia Prataglia, e a tutto il territorio del Parco Nazionale, una visibilità “mondiale”. Non solo un sogno che si avvera, ma l’inizio di una nuova avventura perché ci piacerebbe che questo campionato iridato sia il punto di partenza di un progetto a più ampio respiro dove la promozione e la riqualificazione dei nostri territori siano elementi essenziali».
«La nostra manifestazione - ha concluso Bonucci - viene svolta per il 99% da volontari, ognuno ha cercato di mettere a disposizione della collettività le proprie competenze professionali acquisite nel mondo del lavoro, nessuno dei membri del comitato organizzatore ha compensi economici. Questo e’ un grande esempio di amore per il proprio territorio e per la collettività. Abbiamo ricevuto in dono dai nostri nonni questo territorio che con grandissima fatica e sacrificio è stato preservato per centinaia di anni con il solo lavoro delle braccia. Infatti da qui venivano prelevati abeti che dopo un lungo viaggio attraverso la via fluviale dell’Arno sarebbero stati utilizzati a Firenze per le più importanti costruzioni dell’epoca e a Pisa per gli alberi maestri delle navi».

 

Gli atleti (oltre 400 iscritti) provenienti da oltre 37 nazioni dopo la partenza di Badia Prataglia correranno attraversando siti antichissimi come la Lama, inoltre il Trail costeggerà la Foresta Integrale di Sasso Fratino, sito candidato a divenire Patrimonio dell’Unesco. I confini del Parco delle Foreste Casentinesi toccano 11 Comuni e comprendono le valli romagnole del Bidente, del Rabbi e del Montone, estendendosi in territorio toscano fino alle pendici del Monte Penna, dove sorge il celebre Convento Francescano di La Verna. Arroccato su una rupe calcarea, immerso in una selva lussurreggiante, il santuario è uno dei luoghi più intrisi di misticismo dell’intero Occidente, qui si ritirò in eremitaggio San Francesco e nell’estasi della preghiera ebbe le stimmate, miracolo tuttora rievocato con una festa solenne. Un’altro luogo sacro toccato dal trail è l’Eremo di Camaldoli fondato poco dopo l’anno Mille da San Romualdo, Camaldoli poi divenne uno splendido monastero. Un altro luogo di sicuro interesse sarà il passaggio sulla Diga di Ridracoli incastonata tra le foreste del Parco Nazionale. La diga è uno sbarramento artificiale del fiume Bidente e del Rio Celluzze, che dagli anni ’80 fornisce acqua ad un milione di persone della Riviera Romagnola.

 

 

Il saluto e l’augurio di un evento di successo è arrivato anche dalla FIDAL tramite il direttore tecnico dell'Alto Livello Elio Locatelli «La Federazione guarda con interesse al mondo Trail - ha detto Locatelli - una disciplina che dal 2015 è riconosciuta anche dalla IAAF, la federazione mondiale. L'organizzare un Campionato Mondiale in Italia è una cosa straordinaria. Mi auguro anche che nei prossimi anni il livello della nostra squadra nazionale cresca sempre di più».
«L’Italia, - ha detto Paolo Germanetto Responsabile Tecnico di Corsa in Montagna, Trail e Lunghe Distanze - parteciperà a questi Mondiali di Badia Prataglia con 13 atleti (sette uomini e sei donne), ci sono buone speranze di qualche piazzamento, ma c’è anche la volontà di ben figurare in questo esordio organizzativo in Italia. L’obiettivo principale, oltre ai risultati individuali, è di conquistare la medaglia a squadre».

 

 

Per quanto riguarda il programma dell’evento oltre alla prova iridata di 50 chilometri (partenza ore 8) con 2900 metri di dislivello positivo, prevede la gara Open (aperta a tutti i tesserati) Sacred Forests Ultra Trail sulla distanza di 83 chilometri con 4500 metri di dislivello positivo che partirà alle prime luci dell’alba (ore 5). Alle ore 10:30 invece partirà il “Long Trail” sempre aperto a tutti i tesserati che si svilupperà sullo stesso percorso iridato.

 

Nel pomeriggio quando i vincitori “mondiali” saranno già stati festeggiati alle ore 15 partiranno le due gare più brevi, 24 chilometri e 13 chilometri, con rispettivamente 1500 metri e 700 metri di dislivello positivo. Sempre alle ore 15 sarà dato il via alla EcoCamminata Nordic Walking.


Aggiungi un commento

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.