PIZZO STELLA SKYRACE 2017 – FRACISCIO (SO)

PIZZO STELLA SKYRACE 2017 – FRACISCIO (SO) - De Gasperi & Dragomir polverizzano i record della Pizzo Stella. FOTO & CLASSIFICHE ON LINE!!

PIZZO STELLA SKYRACE 2017 – FRACISCIO (SO)

De Gasperi & Dragomir polverizzano i record della Pizzo Stella. FOTO & CLASSIFICHE ON LINE!!

09/07/2017 - Scritto da: Maurizio Torri - letto 4113 volte

Iscritti 230 iscritti, 209 i partenti alla bella sky dell'Alta Valle Spluga

Record che saltano in aria alla Pizzo Stella SkyRace. Dopo quello di presenze con 209 atleti al via nonostante le numerose concomitanze, il sei volte iridato della corsa in montagna Marco De Gasperi e la rumena Denisa Dragomir strappano applausi a scena aperta. Il bormino del Team Hoka stravince in 3h42'45" demolendo di circa 14' il precedente primato cronometrico.  Al femminile Denisa Dragomir senza rivali. Per lei 11ª piazza assoluta e vittoria in rosa con  finish time di 4h24'20" (migliora il record  in rosa di Debora Cardone di 15'). I vincitori della maratona del cielo, a soli sette giorni dallo strepitoso successo camuno, confermano di essere in uno stratosferico momento di forma mettendo il loro sigillo anche alla bella kermesse dell'Alta Valle Spluga.

 

Seconda piazza maschile per Daniel Antonioli in 3h56'19", terza piazza per Viorel Palici in 3h58'01".  Nei 5 anche Gyorgy Szabolcs (3h58'08")  e Davide Invernizzi (4h02'44"). A dimostrazione di un evento che sta crescendo nei numeri e nel livello, i primi 4 atleti al maschile sono stati sotto il precedente best time siglato lo scorso anno da Daniel Antonioli (3h58'13").

Sfogliando la top ten di giornata spiccano i nomi di Alessandro Bonesi 6°, Valentino Bedognetti 7°, Valentino Speziali 8°, Clemente Berlingheri 9° e Massimo Triulzi 10°. Al femminile ancora Romania e ancora Valetudo al secondo posto con Ingrid Mutter (4h51'07"), mentre 3ª si è piazzata la lecchese dell'Osa Valmadrera Sara Rapezzi (5h22'58").   

 

GARA VERA SIN DALLE PRIME BATTUTE:

Sui 35km con 2650m up della tappa di "Skyrunner® Italy Series” il campionissimo della corsa in montagna Marco De Gasperi  e quello del winter triathlon Daniel Antonioli hanno subito sgranato il gruppo di testa. Passaggi  con parziali abbondantemente sotto i record della gara sia al GPM di Sommavalle, sia all'alpe di Angeloga. Alle loro spalle i rumeni Viorel Palici e Gyorgy Szabolcs in lizza per un posto sul podio. Pronti via e sulla prima importante salita De Gasperi e Antonioli si sono alternati più volte tenendo altissimo il ritmo gara. Un ritmo insostenibile ai più. Il carabiniere del Team Hoka è passato per primo ai 2863m di Sommavalle . Attaccatissimo il soldatino del Cs Esercito. Più staccati  Gyorgy Szabolcs e Viorel Palici. In Val di Lei e nella risalita  verso Lago Mottala, De Gasperi ha provato l'affondo guadagnando 3'10" su Antonioli ad Angeloga. A questo strategico passaggio Palici ha guadagnato la terza piazza, a 1' il suo compagno di scuderia. Quinto il lecchese Davide Invernizzi. Posizioni poi rimaste invariate sino alla fine.   
Al femminile, una sola donna al comando, Denisa Dragomir. Alle sue spalle definite le posizioni con Ingrid Mutter saldamente seconda e Sara Rapezzi che regolata la bergamasca Martina Brambilla ha messo in cassaforte la terza piazza.      

 

 

      

 

DIETRO LE QUINTE LAVORI:
Lavori straordinari per il direttore gara, la guida alpina Gualtiero Colzada.  Lui e i ragazzi del comitato organizzatore hanno più volte vagliato le condizioni meteo e studiato ben tre varianti, prima di dare il via alla gara sul percorso originale. Show time  da piazza Don Luigi Guanella alle 7.15 con mezz'ora di anticipo sul programma originale per provare a schivare la perturbazione attesa nel primo pomeriggio.   Una scelta vincente che ha permesso a tre quarti degli ateti di correre a fil di cielo sui sentieri dei 3 comuni coinvolti  (Campodolcino, San Giacomo di Filippo e Piuro)  e delle 3 valli alpine  di Spluga, Lei e Bregaglia.

I più veloci hanno potuto correre sulla cresta che porta al Pizzo Sommavalle (2863 mslm) e toccare punti mitici quali la Forcella d’Avero (2332 mslm), il Bivacco Chiara & Walter (2661 mslm), il Passo dell’Angeloga (2386 mslm) e l’omonimo Rifugio (2042 mslm) prima della picchiata su Campodolcino e l'ultima tosta ascesa verso il traguardo.   

Intorno a mezzogiorno la tanto annunciata perturbazione è arrivata. Sicurezza prima di tutto con deviazione all'altezza dell'Alpe di Angeloga per i concorrenti ancora impegnati sull'ultima parte del percorso. Ciò ha permesso loro di evitare una parte del tracciato particolarmente esposta e soggetta a fulmini.

 

 

CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE!!!

 

 

CLICCA QUI PER VEDERE LA PRIMA GALLERY by Giacomo Meneghello!!!

 

CLICCA QUI PER VEDERE LA SECONDA GALLERY by Roberto Ganassa!!


Commenti

Gara bellissima paesaggi stupendi percorso impegniativo (come piace a mè) organizzazione all'altezza della gara giusta la decisione di deviare il percorso x non rischiare insomma tutto ok.Da rifare sperando in una giornata di sole.Grazie a tutti siete grandi!!!!

Aggiungi un commento

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.