SQUADRA NAZIONALE ITALIANA SKIALP 2013

SQUADRA NAZIONALE ITALIANA SKIALP 2013 - La FISI scioglie le riserve in questa intervista al tecnico Oscar Angeloni

SQUADRA NAZIONALE ITALIANA SKIALP 2013

La FISI scioglie le riserve in questa intervista al tecnico Oscar Angeloni

10/07/2012 - Scritto da: Redazione - letto 6433 volte

E' stata ufficializzata la selezione nazionale di scialpinismo per la stagione 2012/2013.  Sono 10 gli effettivi della squadra senior, 5 quelli della junior, 4 gli espoir e 3 i cadetti....

 

E' stata ufficializzata oggi la squadra nazionale di sci alpinismo per la stagione 2012/2013. La disciplina in grande espansione come numero di praticanti vede la riconferma di Oscar Angeloni in veste di direttore tecnico e Nicola Invernizzi in qualità di allenatore responsabile del settore giovanile. Sono 10 gli effettivi della squadra senior, 5 quelli della junior, 4 gli espoir e 3 i cadetti.

 

 

"La squadra senior è stata riconfermata quasi per intero - dice il dt Angeloni - e sono sicuro che i "vecchietti" sapranno ancora portare all'Italia molti risultati importanti. Certo, bisogna già lavorare per l'inserimento dei giovani, e i senior dovranno aiutare i più giovani nella crescita agonistica. Può darsi che qualche inserimento arrivi già nel corso della stagione. Osserverò attentamente l'evoluzione della stagione in campo femminile, perché forse lì potremmo soffrire di qualche problema di ricambio generazionale".

 

 

"Tengo molto ai Mondiali di Briançon e sono convinto che riusciremo a fare bene. Vincere in Francia vale doppio e quindi chiedo a tutta la squadra il massimo impegno per quell'appuntamento".

 

 

"Per quello che riguarda il settore giovanile - prosegue Angeloni - abbiamo una delle squadre più forti al mondo e sono sicuro che gli atleti che adesso sono fra i giovani saranno le punte di diamante dello sci alpinismo di domani. Mi aspetto qualche acuto già in questa stagione da Robert Antonioli, Michele Boscacci ed Elisa Compagnoni. Poi metterei un occhio attento su Alba De Silvestro, che fra gli junior mi sembra abbia un passo già superiore".

 

 

"E' una soddisfazione enorme e, al contempo una grande responsabilità rappresentare tutto il movimento dello ski-alp italiano: un movimento in crescita, che si ritrova sempre più numeroso sulle montagne e che riconosce nella Nazionale il punto di riferimento comune. Questo ci fa onore e ci responsabilizza moltissimo. Voglio ringraziare la Fisi e il Presidente Roda per avere avuto molta fiducia in noi e averci permesso di proseguire nel nostro lavoro, cercheremo di ripagare con i risultati questa fiducia".

 

 

IL TEAM AZZURRO PER LA STAGIONE 2012/2013:

Cadetti
Omar Campestrini ('97, Sc Cima Dodici)
Giulia Compagnoni ('96, Sc Alta Valtellina)
Davide Magnini ('97, Sc Brebta Team)

 

 

Espoir
Robert Antonioli ('90, CS Esercito)
Michele Boscacci ('90, Pol. Albosaggia)
Alessandra Cazzanelli ('92, Sc Corrado Gex)
Elisa Compagnoni ('90, Sc Alta Valtellina)

 

 

Junior
Alba De Silvestro ('95, Sc Val Visdende)
Luca Faifer ('94, Sc Alta Valtellina)
Nadir Maguet ('93, Sc Corrado Gex)
Federico Nicolini ('94, Sc Brenta Team)
Stefano Stradelli ('93, Sc Corrado Gex)

 

 

 

Senior
Dennis Brunod ('78, Pol. Mont Avic)
Matteo Eydallin ('85, Cs Esercito)
Alessandro Follador ('83, Dolomiti Ski-Alp)
Lorenzo Holzknecht ('84, Sc Alta Valtellina)
Pietro Lanfranchi ('78, Sc Valgandino)
Damiano Lenzi ('87, Cs Esercito)
Elena Nicolini ('88, Sc Brenta Team)
Gloriana Pellissier ('76, Cs Esercito)
Manfred Reichegger ('77, Cs Esercito)
Denis Trento ('82, Cs Esercito)

 

 

Oscar Angeloni, direttore tecnico
Nicola Invernizzi, allenatore responsabile settore giovanile

 


Commenti

Ma non era già stato misurato e trovato mancante? Ma dobbiamo per forza fare numero o portare l'elite del nostro scialpinismo?
Ma le convocazioni si fanno per merito o per regione d'appartenenza??? UNO JUNIOR IN PIU'... UN FINANZIERE DI MENO ;-)
You voted 'su'.
Follador è l'esempio di come funziona l'Italia: basta essere raccomandati o come nel suo caso amico del CT Angeloni e fai automaticamente parte della squadra. In tutto l'inverno non ha fatto un solo risultato utile in coppa del mondo, è stato spesso scartato dalle convocsazioni, non ha neppure partecipato ai campionati europei, nelle gare nazionali le ha prese ripetutamente da altri atleti ma alla fine il Ct l'ha riconfermato. Bravo Oscar, continua così!
Ma qualcuno vuole spiegarmi cosa ci fa ancora Follador in nazionale? Non ha azzeccato nemmeno una gara che sia una ed è ancora in squadra! Ma quelli che battono regolarmente Follador come devono fare per essere notati e convocati da Angeloni? Forse bisogna correrre per il comitato veneto???
crediamo tutti nelle competenze tecniche di Angeloni e nei meriti di questi atleti convocati..compreso Follador..purtroppo ci sarà sempre qualcuno che dovrà criticare ..poveriii!!!!!!!!!!!.w lo sci alpinismo e questa nazionale!!!!!!!!!!!!!!!!
Personalmente vedo un grande futuro, abbiamo veramente dei giovani che potranno far la differenza, basta che facciano tutti il loro compito, auguro un buon lavoro a Oscar e Nicola. E' ovvio che il massimo sarebbe avere qualche arma in più al femminile, ma pian piano arrivano anche quelle !!
mancheranno le vittorie ecclatanti nel palmares di FOLLADOR ma tolti gli altri nazionali,chi sarebbero quelli che gli arrivano costantemente davanti? Certo di atleti forti l'ITALIA ne ha ancora ma finiamola col criticare per partito preso ... W LO SCIALPINISMO
meno ciacole !!! se qualcuno deve far delle critiche a vanvera che vada lui a fare il direttore agonistico !!!!
hai voglia!!! ce ne sono di alternative più competenti in a riguardo!!!
non vedo tutti sti CT in giro....ne in Vallè ne in Trentino ne tantomeno in Alpi Centrali!!! fuori i nomi ma non confondiamo gli "allenatori" con chi deve programmare viaggi, alberghi, assemblar atleti, concertare sponsor + FISI e via discorrendo....non ne vedo proprio! anhe nelpiccolo dello skialp sono tutti ct quasi come nel calcio ma alla fine si fanno solo critiche sterili che poco denotano di conoscenza del settore e soprattutto dei risultati tecnici della passata stagione ...se guardiamo quelli fuori dalla nazionale dovrebbero allora rimanere Lenzi e Brunod a guardar bene e meglio del Follador negli appuntamenti che contano (le vertical sono altra cosa e l'unico che merita la nazionale e che può battere Kilian è il solo Urban!!!)sono solo i soliti 5-6 noti....al femminile la situazione è obbiettivamente tragica x le senior con livello veramente basso dove comunque la Glo è sempre irragiungibile per le altre italiane escluse ovviamente le bormine che però o stanno a quello che si decide in nazionale o giustamente non vengono convocate come si fa in TUTTI gli sport seri e Roda lo ha ribadito più volte di buono il livello della Compagnoni e le 2 giovanissime junior che entro 1-2 anni saranno a livello assoluto sempre se continuano a fare l'attività AMEN
Caro Anonimo faresti cortesemente i nomi degli atleti che convocheresti in nazionale? Giusto per capire se stiamo parlando dello stesso sport. Sportivi saluti.
Angelonbi non è un tecnico: di tutte le discipline FISI credo che sia l'unico a non avere nessun requisito base: neppure il brevetto da maestro di sci.. In tutte le altre discipline contemplate dalla Fisi devi essere almeno Allenatore FiSI. E ciò significa essere Maestro di Sci e Allenatore Federale oppure Istruttore nazionale: Angeloni non ha neppure la minima delle qUalifiche richieste e come tecnico, di conseguenza, dimostra di avere lacune tecniche davvero imbarazzanti.. Vedi scelte tecniche effettuate nell'ultima stagione: non conosce l'imparzialita e neppure la deontologia.. Daltronde Angeloni è tutto tranne che un tecnico o un professionista: le sue scelte tecniche denotano una totale incapacità decisionale e competenziale in materia. Il futuro dello sci alpinismo riserverà cose migliori: Angeloni sparirà e al suo posto arriverà una persona competente, qualcuno che sappia di cosa stiamo parlando.
Siamo alle solite diatribe da bar... Meglio ANGELONI, no meglio qualcun altro . Per cominciare FIRMIAMO i post , almeno il NOME perchè siamo tutti bravi a dire e fare meglio deglii altri , però non ci mettete neanche il NOME . SCONOSCIUTI sapientoni finiamola!!!
Uei esperto !! ma non è mica che sei della Valtellina vero ?? Fatti avanti, prova a rileggere cosa hai scritto e poi ti consiglierei un piccolo esame di coscenza, ah ! Dimenticavo, qualche ora di italiano non ti farebbe male, prova a chiamare Oscar, magari qualche lezioncina te la darebbe volentieri ......... by by
dai dai tutte ste critiche non fan bene per niente al movimento ski alp... invece di commentare e criticare mi viene solo da incoraggiare e tifare questa squadra emagari lanciare un ipotesi.... BECCARI!!!!!!!
La figura da tecnico in FISI non esiste ancora, bloccata dalla Valtellina e dalla Valle d'Aosta (Camandona,Greco, Canclini). Vi ricordate quando c'era Greco quanti atleti si lamentavano per il suo comportamento scorretto???? di parte???? o atleti della Nazionale senza iscrizione o senza camera o senza rimborso???? lo sci alpinismo mica lo ha inventato la Valtellina!!! se a tanti, molti, non condividono i carbonari Valtellinesi che pensano solo ai proprio interesse, ci sarà un motivo che i Valtellinesi stanno sulle P.... a tutti, non per la loro bravura e professionalità, li siamo molto lontani, magari devono tornare un po sulla terra!!!!
Buona sera a tutti,credo che quando si scrivono dei commenti come quello dell' amico "salve" sia corretto firmare con nome e cognome,troppo comodo cosi!! A questo punto,caro sig. "salve",spero che tu abbia i coglioni e faccia sapere chi 6,ti ricordo che è anche una questione di educazione nei confronti di tutti i lettori e delle persone che hai citato nel tuo commento. saluti
Rimango allibito e sconcertato da tutte queste polemiche infantili e senza serie argomentazioni. Lo scialpinismo sta cercando di crescere e lo sta facendo con l'aiuto di tutti. Ma dove vogliamo andare con tutti questi professori che non hanno nemmeno il coraggio di scrivere il proprio nome e cognome? Le polemiche, le critiche servono se sono costruttive, se c'è confronto, dialogo, fatte in questo modo non hanno nessun valore, né per chi legge, né per chi scrive. Volete il posto di Angeloni? Andatevelo a prendere e iniziate a lavorare!
umiltè fraternitè egalitè....la presa della bastiglia non ha insegnato nulla: paese senza memoria paese senza futuro.... purtroppo ... sul campo e solo lì si vedono i valori....tutti uguali e tutti con le stesse possibilità.. la politica del fare è quella che premia, non quella del dire: MERITOCRAZIA!!! tutti uniti con le nostre rappresentanze e se i risultati non arriveranno allora si cambierà, certo, ma senza puntare il dito contro chi ci sta credendo alla grande. bisogna schierarsi in prima linea per giudicare l'operato di chi è in trincea... troppo facile giudicare dal quartier generale
Anche secondo me se tutti si firmassero si potrebbero "pesare" le opinioni. Secondo me Greco è il miglior tecnico che abbiamo in italia, come competenza capacità di scoprire talenti, gran teorico ed innovatore riguardo la preparazione. Anche lui come tutti non le azzecca sempre, però è qualificato. Non lo dico da Valtellinese ma cerco di essere obiettivo e sento spesso commenti anche da parte degli stranieri. Che non sia stato il miglior "logistico" lo sappiamo tutti :-) Sempre non da valtellinese dico anche che Canclini abbia dimostrato almeno altrettanta competenza, mi sembra che come dimostrazione il fatto che stia gestendo un club con 30 giovani e che molti suoi atleti arrivino a grandi risultati basti e avanzi non credete? Quanto a Camandona ... ? Ha dato molto al mondo dello skialp quando partimmo insieme nel 2001 in commissione FISI, ed ora cosa fa? Ha anche lui un bel gruppo di ragazzi ed organizza con il suo staff una delle migliori gare al mondo. Se gli incapaci che non lavorano fossero come i tre qui sopra secondo me non si andrebbe poi così male....Luca Salini
You voted 'down'.
Non me ne intendo troppo di scialpinismo, ma credo di avere una certa esperienza nel riuscire a conoscere come sono fatte certe persone. Nel caso di Follador posso solo dire che era e rimane un ottimo atleta (ex fiamme gialle) che è in grado di dare ancora del filo da torcere ai suoi avversari. Io credo che sia degno di rappresentare ancora in campo internazionale la nostra bella nazione...."L'ITALIA". Negli sport invernali, alcuni atleti, così tanto osannati dalle testate giornalistiche e da certi enti territoriali, riescono a raggiungere per una sola volta risultati di prestigio mondiali e poi spariscono dalla circolazione, restando solo a disposizione della più spietata campagna pubblicitaria. Altri, come Follador, pur non avendo vinto competizioni importanti, sono sempre giunti tra i primi posti, dimostrando tanta tenacia e perseveranza agonostica, che premia il loro slancio atletico e i loro scrifici nel campo dell'allenamento. Io, ogni volta che sono andato ad assistere ad una gara di scialpinismo, ho sempre visto Follador classificarsi nei primi 5 posti. Inoltre, quando si sente parlare di lui, molti giovani atleti si riempiono di entusiasmo. Tutto ciò sta a significare che le scelte del CT non sono proprio sbagliate e che la sua presenza ancora in nazionale può far bene anche agli altri atleti più giovani. Pertanto inviterei tutti a riflettere bene prima di opinare sulle capacità di questo atleta. Oggi si volglio a tutti i costi i risultati, solo i risultati... Ma che fine ha fatto il vero significato edificante dello sport? Vai Folla.... fai veder ancora cosa sei capace di fare. Il Capo

Aggiungi un commento

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.