MOUNTAIN RUNNING ITALIAN TEAM

MOUNTAIN RUNNING ITALIAN TEAM - Facciamo il punto con Paolo Germanetto

MOUNTAIN RUNNING ITALIAN TEAM

Facciamo il punto con Paolo Germanetto

04/02/2017 - Scritto da: Redazione - letto 436 volte

Paolo Germanetto, nominato responsabile di settore, illustra i primi criteri di selezione e tracciato le linee principali dell'attività 2017 per le squadre nazionali di Mountain e Trail Running

La notizia è passata nei giorni scorsi, nel momento in cui la FIDAL, in occasione del Consiglio Federale di fine gennaio, ha ufficializzato la sua nuova struttura tecnica. Vale però forse la pena ritornare sul tema, perché accanto alle nomine di Elio Locatelli (Direttore Tecnico Alto Livello) e Stefano Baldini (Direttore Tecnico allo Sviluppo) la Federazione ha voluto creare un'area indipendente che, dal punto di vista tecnico, si muoverà in autonomia.
Lo schema assomiglia molto a quello della Federazione francese e nelle prossime settimane prenderà corpo l'intera struttura dedicata al settore. Intanto un nome c'è, ed è quello di Paolo Germanetto, nuovo responsabile tecnico di corsa in montagna, trail running e ultradistanze stradali: una conferma per quanto riguarda l'ambito della corsa "off road", un allargamento di competenza per quanto riguarda l'ultramaratona.
 
Le elezioni federali di fine anno e le tempistiche necessarie alla creazione della nuova struttura tecnica, hanno giocoforza lasciato un poco in stand by, almeno ufficialmente, anche il settore della corsa in montagna e del trail running. Ma la stagione di gare incombe e specie per le manifestazioni che si svolgono su distanze più lunghe è necessario poter programmare con margine di tempo la stagione.
Al prossimo Consiglio Federale, in programma nel mese di marzo, è demandata l'ufficializzazione dei criteri di selezione della stagione 2017, ivi compresi le rassegne internazionali della corsa in montagna e del trail. Inclusi tanto i Mondiali di Lunghe Distanze in programma a Premana (LC) il 6 agosto sul tracciato classico del Giir di Mont quanto il Campionato Mondiale di trail running in programma a Badia Prataglia (AR) il prossimo 10 giugno, sulla distanza di 49 km (2700 D+) del Trail Sacred Forests.
 
"I criteri di selezione saranno approvati dal Consiglio Federale di marzo - conferma Paolo Germanetto -, ma è evidente l'esigenza prioritaria di mettere gli atleti nelle condizioni di preparare l'avvicinamento alle due rassegne.
L'intenzione è quella di portare ai due appuntamenti squadre in grado di ben figurare, puntando su di un numero limitato di atleti potenzialmente preselezionati (nel Consiglio Federale di marzo l'ufficializzazione) e su di un numero più cospicuo di atleti selezionati invece attraverso delle prove indicative.
Per quanto riguarda il Mondiale di Lunghe Distanze di corsa in montagna, la gara di riferimento a cui abbiamo pensato è la Stava Mountain Race, in programma a Tesero (Tn) domenica 25 giugno.  
Per il Mondiale di Trail a Badia Prataglia, il riferimento va invece a due diverse manifestazioni, entrambe su tracciati vicini per distanza e dislivello a quelli del Mondiale. Il 23 aprile a Chiavenna (So) il Val Bregaglia Trail (42 Km - 2770 D+), gara vinta lo scorso anno da Debora Cardone e Marco De Gasperi. Poi, sabato 13 maggio, la Val Borbera Marathon (42 Km - 2200 +), gara su distanza intermedia delle Porte di Pietra. Le iscrizioni finali per il Mondiale chiuderanno il 15 maggio, giorno in cui sarà ufficializzata la squadra."
 
 


Aggiungi un commento

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.