Avventure

Dal diario di bordo di Alex Bellini

20/11/2008

Novembre non poteva cominciare in modo peggiore. Dopo le due giornate super da 50 miglia l´una ho tirato bruscamente il freno! Ieri ed oggi sono stati giorni molto duri. In realta´ sto subendo l´influenza di una corrente (debole per fortuna) con direzione molto variabile (ieri verso Sud, oggi verso SE che, assieme a venti deboli e ballerini, mi rallenta parecchio.

Maurizio Torri

Dal diario di bordo di Alex Bellini

20/11/2008

Pioggia, vento e freddo tutto il giorno. Che schifezza di tempo! Le prime gocce questa mattina proprio quando mi apprestavo a slegare il laccio che tiene legati i remi l´uno all´altro e da quel, momento non ha piu´ smesso. Sono fradicio fino al midollo, mani e piedi sono talmente cotti che sembrano finti.

Maurizio Torri

Dal diario di bordo di Alex Bellini

20/11/2008

Scusatemi ma non mi ero mica accorto che fosse passato cosi´ tanto tempo dall´ultimo aggiornamento. Queste ultime giornate mi hanno fatto parecchio tribolare e ho perso il contatto con il tempo. C´era gia´ chi si stava preoccupando. Questo non va bene.

Maurizio Torri

Dal diario di bordo di Alex Bellini

20/11/2008

C´è una canzone di Bennato che mi piace molto e che in questi ultimi tempi mi risuona costantemente nelle orecchie come una specie di inno. Si intotola "Un giorno credi" e comincia cosi´: «Un giorno credi di esser giusto e di essere un grande uomo, in un altro ti svegli e devi cominciare da zero.»

Maurizio Torri

Dal diario di bordo di Alex Bellini

20/11/2008

Questo aggiornamento non credevo di poterlo fare. Leggendo capirete perche´. Di cose da raccontarvi ce ne sono parecchie. Cominciamo dalle belle notizie. Da due giorni ho intercettato la "famosa" corrente di cui si e´ tanto parlato, che dovrebbe accompagnarmi molto rapidamente a Sydney. Ieri, addirittura ( ve ne sarete accorti anche voi) la velocita´ media e´ stata superiore ai 3 nodi per l´intera giornata e stando ai dati di Roger man mano che mi avvicinero´ alla costa aumentera´ ancora di piu´. Non oso quindi pensare con quale velocita´ entrero´ nella baia!!! Seconda buona notizia e´ che ho oltrepassato il limite delle 600 miglia a Sydney che vogliono dire 1000 CHILOMETRI a terra! Ma veniamo alle brutte. Come previsto da Rick (meteorologo) gia´ molti mesi fa, il mare, in quest ultimo tratto, e´ caratterizzato da un aumento considerevole del moto ondoso che lo porta, in corrispondenza con il periodo di alta marea, a gonfiarsi enormemente.

Maurizio Torri

Pagine